--> indice abruzzo

Suggestivi itinerari nell'Abruzzo medioevale

Mappa Home

S. Stefano di Sessanio

E' uno stupendo borgo medievale arroccato a 1250 metri di altezza attorno alla rotonda torre di avvistamento sorta nel '300, purtroppo oggi crollata a causa del terremoto e non ancora ricostruita. È considerato uno dei 100 borghi più belli del mondo, eppure fino a pochi anni fa era quasi abbandonato e mezzo diroccato. Grazie all’intuizione di un architetto italo-svedese, Daniele Kihlger, capitatovi per sbaglio girando in moto, Santo Stefano di Sessanio ha iniziato a cambiare vita diventando un cantiere brulicante.

Rocca di Calascio

Sospesa tra il cielo e la terra a 1500 mt d'altitudine, una posizione incredibile ma totalmente  tagliata fuori dalle nostre odierne direttrici. La sua storia appartiene tutta al medioevo,rimane il suo presidio fortificato, ormai inutilmente minaccioso.

Bominaco

Bominaco , frazione di Caporciano, è piccolo borgo medioevale di circa 85 anime a 1000 metri di altezza dal livello del mare, famoso per le sue chiese benedettine,  che nel medioevo facevano parte di un unico complesso monastico.

Castel di Sangro

 L'antica Aufidena è collocata in una posizione cruciale dal punto di vista delle vie di comunicazione, tanto da essere definita come “Porta degli Abruzzi". Per tale ragione nel 1943 i Tedeschi fecero saltare in aria l'intero centro abitato per rallentare l'avanzata delle forze alleate. Tra varie distruzioni e ricostruzioni mantiene ancora oggi motivi di grande interesse, quali la grande Basilica di origine quattrocentesca e la Pinacoteca Patiniana.

Pescocostanzo

Pescocostanzo si erge come un gioiello d’arte, natura e tradizione artigiana, ad un altitudine di 1400 m slm, sospeso al centro di un sistema di altipiani carsici conosciuti con il nome di Altipani Maggiori d’Abruzzo. Il piccolo centro, adagiato tra i Parchi Nazionali del Gran Sasso e della Majella ospita tra le sue mura meno di 2000 abitanti e offre un patrimonio inestimabile di arte barocca, rinascimentale e neoclassica.

Pacentro

Il borgo è situato in una zona collinare (690 m) sulle pendici delle Montagne del Morrone, a guardia dell'ingresso della Valle Peligna. L'elemento architettonico più rilevante è il Castello Cantelmo, costituito da un complesso di tre torri quadrate (sec. XIV)  circondate da un ampio fossato. Sono inoltre presenti 3 torrioni rotondi a rinforzo della cinta esterna. Ma anche il girovagare nel centro storico è tutto un susseguirsi di sorprese e scorci affascinanti

Pettorano

Pettorano sul Gizio è giustamente inserito nel prestigioso club de "I Borghi più belli d'Italia". Storia, arte, cultura e tradizioni di un piccolo centro italiano, la rendono meta ideale del turismo più curioso.